Messina, presentato il volume “Messina nel 1780. Viaggio in una Capitale scomparsa”

Messina, alla presenza dell’Assessore alla Cultura Enzo Caruso e di un pubblico attento e curioso, accorso al Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca, è stato presentato ieri il volume di Luciano Giannone “Messina nel 1780. Viaggia in una Capitale scomparsa”; una narrazione, attraverso una straordinaria ricostruzione in 3D e a colori, della Messina antecedente al Terremoto del 1783. Una Messina sconosciuta, mai vista, se non attraverso le ormai note stampe e le incisioni realizzate nel tempo da viaggiatori e pittori che hanno soggiornato in città.

Dopo i saluti dell’Assessore Caruso e la sua introduzione al tema della riscoperta di una città meravigliosa portata alla ribalta grazie all’attenta e certosina ricerca delle fonti e all’applicazione delle nuove tecnologie di “realtà aumentata”, sono intervenuti l’arch. Mirella Vinci, Soprintendente ai BB.CC.AA. di Messina, e Pino Falzea, Presidente dell’Ordine degli Architetti, che hanno manifestato parole di elogio e apprezzamento al lavoro di Giannone che ha aperto nuovi orizzonti alla ricerca e allo studio architettonico della Messina scomparsa.

Il volume è stato illustrato dal giovane architetto e autore Luciano Giannone, laureatosi in Architettura a Firenze, con una tesi che è all’origine della pubblicazione del testo, e che ha dedicato anni di studio, passione e maestria nell’applicazione di moderne tecnologie, per ricostruire la “Nobile Città di Messina” e restituirla ai messinesi, bella e lussuosa per come la storia ce l’ha tramandata nei racconti e nei ricordi dei viaggiatori che transitarono in città tra il XVI e il XVIII secolo.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Un viaggio virtuale affascinate, attraverso video e immagini che hanno letteralmente conquistato il pubblico presente, con interventi a chiusura dell’incontro attraverso un vivace e arricchente dibattito, cui hanno preso parte anche la storica dell’Arte Grazia Musolino e la Direttrice della Biblioteca Regionale Tosi Siragusa.

 


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...