La pittura poetica di Alejandro De Luna

533

Mostra dal 8 al 30 di Settembre al Atahotel all’interno di un concorso internazionale di pittura

A Milano, quando si tratta di andare a toccare con mano la “consistenza” dei poeti, vederli dal vivo negli incontri in libreria, nei circoli o negli spazi occupati e autogestiti dove è naturale coltivare e far fiorire iniziative culturali, non di rado ci capita di incontrare Alejandro De Luna, il poeta pittore che, forse unico nella sua peculiare poetica, dipinge i poeti. Conosco da diversi anni Alejandro e posso dire che la sua presenza mi è cara non solo per la sua ricerca artistica, ma anche per avere nel suo bagaglio personale la sempre più rara dote dell’affabilità. Spagnolo, nato a Madrid, figlio d’arte in quanto il padre era un poeta e la madre pittrice. La ragione essenziale che lo ha spinto nel corso degli anni a focalizzare la sua attenzione alla pittura di poeti contemporanei, sta nella sua naturale predisposizione all’incontro. I poeti ritratti, in un incrocio tra poesia e pittura, appartengono allo scenario milanese. Al suo arrivo a Milano nel 2007 ebbe la fortuna di iniziare a lavorare nel settore artistico e frequentare così diversi ambienti poetico – letterari della città, conoscendo una molteplicità di poeti che a lungo andare diventarono tematica centrale della propria produzione pittorica. Spesso lo si poteva vedere attivamente in una variegata tipologia di manifestazioni artistiche, alternandosi tra iniziative di slam poetry, recital poetici tradizionali e performance poetico-musicali.  Alejandro mi confessa: “La mia scelta stilistica è dettata da propositi pratici, legata a un “fare poetico” metropolitano. Questo mi ha portato a frequentare ambienti culturali in cui ho avuto modo di stabilire rapporti più profondi di amicizia con i poeti che sono diventati il fulcro tematico essenziale della mia arte, specchio affine alla mia sensibilità e soggetti prediletti della mia ispirazione pittorico-poetica. Ho realizzato dal vivo dipinti, disegni e schizzi essenzialmente a tecnica mista. Il metodo di dipingere, caratterizzante della mia produzione artistica, consiste non semplicemente nel realizzare un ritratto delle fattezze personali di ciascuno – come di solito hanno fatto i pittori attraverso la storia dell’arte – ma nell’ascolto attivo delle loro poesie per riflettere sinergicamente l’anima del poeta ritratto all’interno della stessa tela, sia attraverso la pittura che attraverso la poesia.” Di tutte le definizioni che la critica ha dato della sua pittura, quella di “pittura poetica “ è, secondo Alejandro, il termine che è più coerente con il linguaggio plastico-visivo dei suoi quadri, soprattutto negli ultimi anni, in cui l’interesse essenziale nel trovare uno stile del tutto personale lo ha spinto a unire sinergicamente i due linguaggi della poesia e della pittura. Dipingere tutti questi poeti lo ha portato nel 2013 a ideare un libro di ritratti poetici e pittorici denominato “ Spirito d’immensità” (Officine editoriali Bici Parlanti ) a cura di Giuliano Mori; libro in cui sono presenti sia i ritratti dei poeti, sia i componimenti in versi a loro dedicati scritti da De Luna. Un modo per far convergere in una unica prospettiva, che unisce forma statica del tratto pittorico e flusso dinamico delle parole, volti e anime dei poeti.

Cenni biografici: Alejandro De Luna, nome d’arte di Alejandro Lopez Luna Delgado, nasce il 5/10/1974 a Madrid, Spagna. Da oltre 10 anni vive tra Milano e Monza. E’ docente di Storia dell’Arte al Liceo Artistico “Nanni Valentini” così  come  ha insegnato di Storia dell’Arte in altri licei artistici prestigiosi come il Boccioni o il Liceo artìstico di Brera docente di Storia dell’Arte  e disegno/pittura a su volta anche in Madrid e Granada( Spagna).Pittore e poeta  realizza durante la sua traiettoria pittorica diverse mostre personali sia in Spagna che in italia, tra queste ultime le più importanti a Milano sono “I volti della poesia-la immagine dell’anima” nella Galleria Artecultura (Brera), “la Pittura Poetica di Alejandro de Luna” (Galleria Porpora), la esposizione intitolata “Sotto il segno dell’Amore” nella Galleria Emmaus oppure la mostra realizzata nei presi della Fondazione Universitaria della terza età (Milano). In Spagna lavora ad esempio con la famosa galleria Cartel (Granada). Mostre collettive a livello europeo ad esempio alla Villa Tittoni Traversi ( Desio,Milano ) o  tra altre con la stessa  “Passepartout Gallery” l’anno scorso.  Figlio d’arte, il padre è il premio nazionale di poesia “Adonais”(1967) e la madre pittrice. De Luna è anche autore del Libro poetico/pittorico “Spiritò di’immensità, ritratti di poeti ed amici a Milano” della editoriale indipendente “Officine editoriali Bici Parlanti, 2013” a cura di Giuliano Mori. Inoltre in Spagna pubblica con la casa editrice spagnola  “Alhulia”  il libro di poesia “Voz del pueblo”(2017).    Nino Iacovella


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 

Commenti
Loading...